LA RIVISTA DELLA
2a GIORNATA DIGITALE SVIZZERA
25 OTTOBRE 2018

digitalswitzerland

Social Media

Dati & Fiducia

Lavoro & Professione

Vita & Società

Sponsored

LA RIVISTA DELLA 2a GIORNATA DIGITALE SVIZZERA 25 OTTOBRE 2018

Intelligenza artificiale – Maledizione o benedizione?

«Ho molta più paura delle conseguenze intenzionali o accidentali delle persone dietro alla tecnologia che del fatto che la tecnologia potrebbe perseguire i propri obiettivi.»

Kate Darling, specialista di etica dei robot presso il MIT

«Individualmente e uniti, dobbiamo esprimere le riflessioni morali ed etiche, che nascono in seguito a innovazioni come l’intelligenza artificiale e la biotecnologia.»

Klaus Schwab, fondatore del WEF

«Lo sviluppo di una vera intelligenza artificiale potrebbe significare la fine dell’umanità. Si svilupperebbe sempre più velocemente da sola. L’umanità, che è legata al ritmo dell’evoluzione, non riuscirebbe a tenere il passo.»

Stephen Hawking, astrofisico

«La competizione per la supremazia nell’IA a livello nazionale sarà, secondo me, il fattore scatenante più probabile della Terza Guerra Mondiale.»

Elon Musk, fondatore Tesla

«L’intelligenza artificiale è evidentemente un’intelligenza trasmessa da soggetti coscienti, un’intelligenza deposta in apparecchiature. Ha un’origine chiara, appunto, nell’intelligenza dei creatori umani di tali apparati.»

Papa Benedetto XVI

«Viene chiamata intelligenza artificiale, ma la verità è che questa tecnologia ci farà progredire. Invece dell’intelligenza artificiale svilupperemo la nostra intelligenza.»

Ginni Rometty, CEO IBM

«La vera domanda non è se le macchine possono pensare, ma se lo fanno le persone.»

B.F. Skinner, psicologo americano

«Se aveste tutte le informazioni del mondo direttamente collegate al cervello o in un cervello artificiale, più intelligente del vostro, sareste avvantaggiati.»

Sergey Brin, co-fondatore di Google

«Chi ha un approccio inno-vativo verso il tema dell’intelligenza artificiale conquista una dominanza innanzitutto a livello economico, poi politico e infine geostrategico.»

Mathias Döpfner, amministratore delegato di Axel Springer

«Molto probabilmente l’intelli-genza artificiale porterà alla fine del mondo. Ma ci saranno aziende stupende.»

Sam Altman, imprenditore e sviluppatore IA

«Non fa una grande differenza se ci basiamo sul carbonio o sul silicio. Dovremmo essere tutti trattati con rispetto.»

Arthur C. Clarke, fisico e autore di fantascienza

«Si tratta nientedimeno che dell’umanizazzione della tecnologia. L’intelligenza artificiale deve essere civilizzata!»

Philipp Thesen, professore per l’interazione uomo-macchina

«Il prossimo livello può naturalmente essere qualcosa che unisce noi o il nostro corpo alla tecnologia, i nostri pensieri con il software.»

Miriam Meckel, pubblicista

Fotos: Krisztian Bocsi, Rolf Schulten, David Paul Morris/Bloomberg via Getty Images, Bachrach/Getty, Imago, Ben Baker/Redux/laif, Luis Enrique Ascui/Getty, Marina Rosa Weigl, Kim Kulish/Corbis via Getty Images, Andreas Pein/laif, Alexandra Wey/Keystone

«L’umanità non morirà a causa dell’IA. Solo non sarà più così importante.»

Jürgen Schmidhuber, direttore del laboratorio svizzero di AI IDSIA